U-Boot Tipo VII scala 1:72

 

L'U-Boot Tipo VII è un sommergibile atlantico tedesco operativo nella seconda guerra mondiale. È caratterizzato da una buona manovrabilità e di una rapida immersione.

Il progetto fu molto azzeccato e formò la spina dorsale della flotta di sommergibili con più di 700 unità di tutti i sottotipi completati, di gran lunga il tipo di sommergibile più numeroso. La Regia Marina doveva esser fornita di nove di questi battelli (U428, U746, U747, U429, U748, U430, U749, U1161 e U750, ribattezzati nell'ordine da S1 a S9) che avrebbero composto la Classe S in cambio di 9 battelli italiani stanziati a BETASOM (da riconvertire al trasporto di metalli rari e prodotti preziosi per l'industria bellica da e per l'Estremo Oriente), ma l'Armistizio di Cassibile produsse ovviamente un annullamento della consegna. Il Tipo VII-C rappresenta di gran lunga la variante più numerosa di qualsiasi U-boot mai costruita, con 577 unità completate alla fine della Guerra. La lunghezza fu incrementata rispetto a quella del VII-B, ma non lo fu la potenza dei motori, portando ad una lieve riduzione nelle prestazioni in immersione. Varato la prima volta nel 1940, le unità di questo tipo formarono la colonna portante delle forze Tedesche impiegate nella Battaglia dell’Atlantico.